approfondimenti

il Punto

Legge di bilancio

Il Governo dovrebbe riconsiderare le scelte fatte e dialogare con le opposizioni e le parti sociali per provare a cambiare una manovra totalmente inadeguata e potenzialmente dannosa per l’Italia perché mette a rischio la crescita. Come Partito Democratico, esprimiamo forte preoccupazione per le decisioni prese dallla maggioranza.

L’FMI oggi ha ammonito il governo sull’assenza di produttività, sottolineando come il nostro Paese avrebbe bisogno di interventi strutturali e riforme. Tutto il contrario di ciò che il Governo sta facendo, visto che la Legge di Bilancio contiene solo misure spot della durata di un anno.

Non solo, come ha ricordato ieri il professor Alberto Brambilla sul Corriere della Sera, la manovra “non contiene provvedimenti per le politiche attive del lavoro” e nessuna misura "per favorire l’incontro tra domanda e offerta né incentivi per le scuole professionali, nonostante la forte richiesta delle imprese e la scarsa disponibilità di professionalità adeguate”.

Dopo aver tagliato il reddito di cittadinanza, non prevedere un programma di reinserimento nel mercato del lavoro - basato anche sulla formazione – rappresenta un errore gravissimo. Se l’Italia prevede una crescita modesta per il prossimo anno, pari a un misero 0,7 per cento contro una media europea dell’1,5 per centro, lo dobbiamo a queste scelte.

Oltre a tagliare risorse al personale sanitario e al fondo per la disabilità, ad aumentare l’Iva sui prodotti per l’infanzia come latte in polvere e alimenti per neonati, alle misure punitive su Opzione Donna, il governo dimostra accanirsi sui più deboli e di non avere una visione del futuro. Non hanno alcuna volontà di realizzare le riforme necessarie al Paese. Tirano a campare senza nessuna programmazione.

PNRR

Per mesi il Governo ci ha rassicurato sulla situazione economica, affermando che “l’Italia è il Paese che cresce di più in Europa”. Non solo non è vero, perché altri Paesi negli ultimi 12 mesi hanno aumenti del Pil più alti dell’Italia, ma le previsioni per il 2024 sembrano peggiorare ulteriormente.

Lo scrive oggi Il Sole 24 Ore, in un articolo firmato da Gianni Trovati: nel 2024 “l’Italia avrà la crescita più bassa dell’area euro e la spesa per interessi di gran lunga maggiore dell’area”. L'autore ritiene che la complessa situazione dipenda dalla fragilità strutturale dell'economia italiana e in particolare dalla ristrettezza degli strumenti finanziari pubblici disponibili.

In considerazione del contesto attuale, sarebbe opportuno comunicare apertamente al Paese le sfide economiche in atto e cercare le strategie più adeguate per affrontarle. Il Partito Democratico non vuole sottrarsi alla discussione. Gli investimenti sono fondamentali ma devono essere strutturali mentre dal Governo – vedi legge di bilancio – arrivano solo misure a tempo, che generano incertezza per il futuro.

Inoltre, riteniamo che sfruttare appieno il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sia essenziale per crescere, creare valore economico e fare progressi significativi nei settori del digitale e della sostenibilità. E rispetto a questo punto i ritardi e i tagli ai progetti che il Governo sta apportando al Piano, come è stato documentato da Bankitalia e Ufficio Parlamentare di Bilancio, non possono che preoccupare.

Per avviare un confronto costruttivo, sarebbe fondamentale un atteggiamento di maggiore onestà da parte del Governo, oltre che una reale volontà di ascolto non solo delle voci dell'opposizione ma anche di quelle dei corpi intermedi, dei territori e del terzo settore. E’ arrivato il momento di abbandonare davvero la propaganda e di lavorare, nel rispetto dei propri ruoli, per il bene del Paese.

Premio Nobel per l’Economia a Claudia Goldin

In una società ancora troppo disegnata e raccontata al maschile, la parità di genere rappresenta una sfida aperta e ogni passo in avanti nella comprensione delle dinamiche di genere è un progresso da celebrare.

Per questo è molto positivo che il Nobel per l'Economia 2023 sia stato assegnato a Claudia Goldin, brillante economista che ha dedicato la sua carriera a esplorare e analizzare il mercato del lavoro femminile e le differenze di genere.

Il premio è un giusto riconoscimento alla sua dedizione e all'apporto che ha offerto sull'avanzamento delle nostre conoscenze in questo campo cruciale. Le sue analisi hanno aiutato a smantellare stereotipi e a sfatare preconcetti, dimostrando in maniera chiara e inequivocabile che le donne non solo giocano un ruolo fondamentale nell'economia, ma che spesso le barriere di genere sono il principale ostacolo alla piena partecipazione delle donne al mercato del lavoro.

Tra i contributi più significativi di Goldin la teoria che spiega come troppo spesso le donne siano costrette a scegliere di rallentare la propria carriera per conciliare meglio il lavoro e la famiglia. Questa ricerca ha messo in luce l'importanza di politiche di conciliazione lavoro-famiglia e ha aperto la strada a nuovi modelli più flessibili.

Ma l'eredità di Claudia Goldin va oltre le sue ricerche. Il suo lavoro ha ispirato economisti, attivisti e policy maker a livello globale a lottare per una maggiore parità di genere. Le sue analisi sono state fondamentali per il progresso delle donne nel mondo del lavoro e per la promozione di politiche che incoraggino la parità e l'inclusione. A dimostrazione di come il progresso verso una società più equa e inclusiva richieda ricerca, impegno e dedizione.

Legge di bilancio

Come spiega Paolo Baroni su La Stampa di oggi, reperire i 30 miliardi di euro che occorrono per finanziare la prossima legge di bilancio non sarà facile per questa destra al governo. Tra le vie d’uscita possibili, la destra sceglie sempre quella più iniqua: condoni e sanatorie fiscali per aiutare chi non paga le tasse.

Mentre la maggioranza tende una mano agli evasori l’economia italiana comincia a dare segnali negativi. Dopo che per mesi Giorgia Meloni, insieme ai suoi ministri, ha costantemente affermato che la situazione economica in Italia stesse migliorando grazie alle politiche adottate dal governo, questa rappresentazione ottimistica è stata brutalmente smentita dai dati economici registrati nel secondo trimestre dell'anno. Il centro studi di Confindustria ha stimato una crescita molto debole nel secondo trimestre del 2023.

Dal punto di vista sociale la situazione è ancora peggio. Siamo in presenza di una crisi acuta, in molti casi drammatica, con l’inflazione che sta impoverendo ulteriormente le famiglie.

Come Partito Democratico, in vista della manovra abbiamo indicato alcune grandi priorità: combattere l’inflazione e difendere il potere d’acquisto dei redditi con la legge sul salario minimo, prolungare oltre il 31 dicembre 2023 il taglio del cuneo fiscale, finanziare i servizi essenziali, a partire dalla sanità e la scuola; utilizzare al meglio le risorse e le riforme previste dal PNRR per fare ripartire l’economia.

PNRR

Ieri presso le commissioni Bilancio riunite si sono svolte delle audizioni sul Pnrr, tra cui quella della Svimez. Tra i punti toccati, il nodo delle opere definanziate dall’ultimo taglio del Governo pari a 15,9 miliardi di euro. Secondo l’associazione è urgente capire in che modo il governo opererà per individuare le fonti alternative di finanziamento per le misure stralciate.

Il Ministro Fitto aveva assicurato che tutte le opere escluse dal Pnrr sarebbero state rifinanziate con altri fondi, in particolare con le risorse del Fondo nazionale per lo sviluppo e la coesione (FSC). 

Ma l’audizione di ieri smentisce tutte le rassicurazioni del Governo. La Svimez ha affermato in modo chiaro quanto sia complicato un eventuale utilizzo del Fondo nazionale per lo sviluppo e la coesione per finanziare gli interventi esclusi dal PNRR, dal momento che per questo fondo sussistono previsioni normative che riservano l’80% delle proprie risorse a favore delle regioni del Mezzogiorno.

Ad oggi dunque non sappiamo in quale modo il Governo intenda finanziare le opere che ha cancellato dal Piano. Dal Ministro Fitto ci attendiamo chiarezza. Dica se e soprattutto come troverà le risorse per questi interventi. E’ di estrema importanza assicurare subito le risorse necessarie, in particolare per i progetti tagliati che coinvolgono i Comuni, molti dei quali erano già in fase avanzata.

Per questi progetti, le cui procedure di realizzazione risulta fossero ben avviate, è essenziale - come più volte il Partito Democratico ha chiesto - garantire un adeguato finanziamento nel più breve tempo possibile.

Dall'esecutivo servono quindi risposte e devono arrivare al più presto. Non abbiamo molto tempo. Lo ha confermato sempre nella giornata di oggi il secondo report annuale dell’Ue sull'attuazione del Pnrr, che ha messo in evidenza come l'attuazione del Piano italiano sia in corso ma con un rischio crescente di ritardi.

Contatti

Partito Democratico Camera dei Deputati

Ufficio Roma

Piazza di Monte Citorio, 1
00186 Roma

Scrivimi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.