Segretaria metropolitana
Partito Democratico di Milano

Vaccini Lombardia: "In due ore oltre 3000 firme per chiedere un commissario per i vaccini in Lombardia"

MILANO - Il PD Milano Metropolitana ha firmato e rilancia la petizione "Subito un commissario per i vaccini in Lombardia" promossa dal Presidente del Municipio 6 di Milano, Santo Minniti, che ha raccolto in due ore oltre 3000 firme.  

"Ormai il fallimento della gestione della sanità in Lombardia è sotto gli occhi di tutti - afferma Silvia Roggiani, segretaria metropolitana PD -. L'ultimo flop, targato Fontana & co, riguarda il sistema delle prenotazioni della società Aria, che ha visto finire la nostra regione su tutti i giornali per lo scandalo delle sedi vaccinali di Cremona e Como andate deserte. Parliamo di una società, fortemente voluta dall'attuale giunta, responsabile solo qualche mese fa delle disastrose gare per i vaccini antinfluenzali e dell'acquisto dei famosi camici del cognato del Presidente, diventati poi una donazione. La Lombardia ha bisogno di aiuto, e non basta pensare che sia sufficiente far dimettere qualche dirigente per risolvere le cose. E' un anno che denunciamo ritardi e continui errori, e a nulla sono serviti i cambi di poltrone decisi da Fontana. Questa giunta prenda atto del suo fallimento e la smetta di nascondersi dietro proclami e scaricabarili. Insieme alle cittadine e ai cittadini - conclude Roggiani - chiediamo che il Governo invii in Lombardia un Commissario capace di gestire le vaccinazioni e di mettere fine a questo incubo". 

Leggi tutto: Vaccini Lombardia: "In due ore oltre 3000 firme per chiedere un commissario per i vaccini in...

1
0
1
s2smodern

Di che cosa è fatto il Pd (di Michele Serra)

Il Pd in crisi dopo le dimissioni di Zingaretti e la fatica dei suoi militanti, poco raccontata. Sarà anche vero che i media preferiscono le Sardine, però...

Caro Michele, mi chiamo Silvia Roggiani, sono la segretaria del Pd a Milano. L’articolo sul rapporto tra Sardine e Pd mi ha fatto riflettere, ma mi ha anche intristito e ferito. In questi mesi a Milano, ma non solo, migliaia di militanti del Partito democratico hanno collaborato con le associazioni organizzando raccolte alimentari, consegne della spesa e moltissime iniziative per chi è stato più colpito dalla pandemia.

Donne e uomini di tutte le età, che, mentre vivono con smarrimento il destino del Pd, continuano a rimboccarsi le maniche perché così vedono la politica. Sono i militanti, giovani o anziani, che rappresentano la vera anima del Pd, di cui sono davvero orgogliosa. Sono le storie che i media non raccontano, perché, certo, un retroscena fa più clic.

Ogni volta che leggo il Pd rappresentato mediaticamente solo come i suoi eletti in giacca e cravatta o tailleur, penso che sprechiamo un’occasione per rendere la politica un luogo più accogliente. Perché quell’immagine allontana proprio chi dovremmo coinvolgere per cambiare: so che dobbiamo cambiare. La contrapposizione fra le Sardine con i sacchi a pelo e i cultori di un partito chiuso non corrisponde a una realtà molto più ricca di quanto certe dinamiche di potere la facciano apparire. Conosco migliaia di iscritti e dirigenti del Pd che oltre a essere in piazza con le Sardine provano a costruire un partito e un centrosinistra allargato, aperto, generoso, altruista. 

Silvia Roggiani

Leggi tutto: Di che cosa è fatto il Pd (di Michele Serra)

1
0
1
s2smodern

8 marzo: "A Milano c'è una leadership femminile diffusa"

Intervista su Affatri Italiani, 8 marzo 2021

“Modello Milano” è una espressione decisamente abusata negli ultimi anni, al punto che ognuno tende a darle un significato diverso. C’è chi la usa pensando di evocare l’esempio di un campo progressista molto largo che sa farsi forza di governo, mentre per altri rappresenta la capacità resiliente di una metropoli che continua a produrre ricchezza attraverso vari cicli politici e ora anche socio-sanitari.

Per altri è un’idea di sviluppo urbanistico simboleggiata dallo skyline di Porta Nuova, ma con la formazione del Governo Draghi, al quale le forze del centrosinistra hanno contributo senza proporre donne alla carica di ministro, l’espressione assume anche un altro significato. A Milano, il Pd fa eleggere più donne che uomini e, per la prima volta nella sua storia, dal 2018 è guidato da una donna: Silvia Roggiani, classe 1984, laureata in Scienze Sociali per la Cooperazione e lo Sviluppo. Ad affaritaliani.it ha parlato di una visione politica di tipo femminile che comincia dalle scelte lessicali: “Per tutto il primo anno di mandato ho dovuto produrmi in lunghe e talvolta pedanti spiegazioni sul perché volevo essere chiamata ‘segretaria’ e non ‘segretario’. Non è stato facile farlo capire, anche perché i miei compagni di partito usavano l’espressione con un’intenzione positiva, per dare più autorevolezza al mio ruolo. Il problema in fondo è proprio questo: si pensa che l’autorevolezza vada per forza declinata al maschile”.

Beh, è curioso che ciò accada proprio nel Pd di Milano, visto che a Palazzo Marino da tempo è consolidato l’uso di espressioni al femminile come “assessora” e “consigliera”, peraltro approvate anche dall’Accademia della Crusca. Come è possibile?
“In realtà questa abitudine non è ancora consolidata quanto vorremmo. Dobbiamo continuare a lavorarci, così come lavoreremo sulla doppia preferenza in viste delle prossime elezioni, ma qui a Milano non abbiamo un problema di parità di genere. Anzi: oltre ad avere una segretaria donna, il Pd nel 2016 ha eletto in consiglio comunale più donne che uomini. E anche nel Consiglio Regionale, su cinque rappresentanti, c’è una parità quasi perfetta: tre uomini e due donne. Nel Pd milanese c'è una forte leadership femminile diffusa”

Leggi tutto: 8 marzo: "A Milano c'è una leadership femminile diffusa"

1
0
1
s2smodern

PGT Milano: "Il TAR da' ragione a Comune e Maran, adesso avanti a ridurre incuria e degrado"

MILANO "Il Tar ha confermato quanto sostenuto sin dall'inizio dal Comune di Milano e all'Assessore Pierfrancesco Maran. La legge regionale sugli immobili abbandonati è sbagliata negli obiettivi ed è incostituzionale nella forma.

Per noi ridurre degrado e incuria vuol dire recuperare strutture dismesse e diminuire cemento e non - come vuole Regione Lombardia - concedere bonus a chi abbandona. Adesso, finalmente, il Comune di Milano può proseguire il lavoro iniziato con il PGT varato un anno fa. Un percorso purtroppo interrotto dalla giunta regionale, che ha provato in ogni modo a mandare all'aria principi e obiettivi fissati con una normativa molto innovativa contro l'abbandono degli immobili".

Così in una nota la Segretaria metropolitana del PD Milano Silvia Roggiani.

1
0
1
s2smodern

Lombardia zona rossa: “Ora basta, flash mob per chiedere le dimissioni della giunta fontana”

MILANO - "L'ultimo macroscopico errore sui dati, commesso da Regione Lombardia, si somma ad una serie di  fallimenti e ritardi accumulati in questi 11 mesi. Quasi un anno nel quale non abbiamo mai sentito dire la sola parola che andrebbe detta, e cioè scusa. 
 

Di fronte a tutto questo non potevamo restare in silenzio. Ecco perché, insieme ad altri partiti, associazioni e movimenti, abbiamo deciso di scendere in piazza per farci sentire e rivendicare quello che chiediamo da mesi: le dimissioni della giunta Fontana!

Siamo stufi dell’incompetenza, dell’arroganza e delle bugie con cui questa giunta sta prendendo in giro cittadine e cittadini lombardi, mentre la Lombardia continua ad essere la Regione che conta il più alto numero di vittime". 

 Così la segretaria metropolitana del PD Silvia Roggiani sulla partecipazione al flash mob ORA BASTA. I vostri fallimenti non si contano più! (qui link Facebook), promosso da PD Milano Metropolitana e altre sigle del mondo politico e dell'associazionismo.  

1
0
1
s2smodern
facebook_page_plugin
Contatti

Silvia Roggiani

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio


Via Roberto Lepetit, 4
20124 Milano

Social