Segretaria metropolitana
Partito Democratico di Milano

Odissea vaccini: "La campagna social del PD Milano per dare voce alle storie dei cittadini"

MILANO - Si chiama "Odissea dei vaccini" l'iniziativa social promossa dal PD Milano Metropolitana per dare voce alle testimonianze delle cittadine e dei cittadini che ci hanno scritto per raccontarci le loro esperienze nel reperimento del vaccino antinfluenzale.

Per questo motivo, nella giornata di oggi la pagina Facebook del PD Milano interrompe la sua comunicazione per lasciare spazio alla pubblicazione - ogni mezz'ora - di un contenuto dedicato ai racconti di chi ha toccato con mano l'inefficienza della sanità lombarda e ad oggi, 17 novembre, ancora aspetta di essere vaccinato contro l'influenza.

"Sono storie di anziani, malati cronici, personale medico-sanitario che ci chiedono come sia possibile che, nella Lombardia della sanità eccellente e, contestualmente, in quella che è la regione più colpita d'Italia dall'onda del Covid, sia possibile che manchino i vaccini contro l'influenza - afferma Silvia Roggiani, segretaria metropolitana del PD Milano.

Abbiamo più volte denunciato come Partito Democratico i ritardi, gli errori, le gare andate a vuoto di questa campagna vaccinale, ma oggi abbiamo deciso di dare voce a chi in prima persona sta vivendo una vera e propria odissea.

Nella Regione che conta un quarto dei contagi e un terzo dei morti a livello nazionale quella dei vaccini è l’ultima saga di un fallimento organizzativo e gestionale della sanità pubblica da parte del Presidente Fontana e del suo assessore al Welfare Giulio Gallera. Fin dalla primavera Regione Lombardia aveva indotto dieci gare per avere il giusto approvvigionamento, ma lo ha fatto accumulando errori su errori. Purtroppo la giunta regionale continua a raccontare in tv che nella nostra regione va tutto bene.

Ma quanto dicono è ormai smentito da segnalazioni quotidiane da parte di cittadine e cittadini che ci scrivono dopo essersi scontrati con l’impossibilità di reperire un vaccino o di prenotare un tampone. Per questo abbiamo deciso di essere cassa di risonanza. Perché - conclude la segretaria dem Silvia Roggiani - più forte è la nostra voce di denuncia, più possibilità avremo di essere ascoltati da Regione Lombardia e di dare risposte ai lombardi.

1
0
1
s2smodern

Regione Lombardia: "Non basta scaricare Gallera, le responsabilità sono di Fontana"

MILANO - "Si rincorrono voci, in queste ore, di una possibile sostituzione o affiancamento dell'assessore Giulio Gallera, fortemente voluti dalla Lega.  In questo modo, la maggioranza di Regione Lombardia ammetterebbe l'inadeguatezza del suo assessore al Welfare.

Ma il fallimento della sanità in Lombardia non è imputabile solo a Gallera, perché le politiche scellerate messe in campo in tutti questi mesi sono state avallate e protette da tutta la giunta, dallo stesso gruppo dirigenziale e dal Presidente, che oggi provano a scaricare il loro assessore.

Le responsabilità di quello che sta accadendo in Lombardia, la regione d'Italia che conta un quarto dei contagi e quasi un terzo dei morti nazionali, sono del Presidente della Giunta Attilio Fontana. Ed è a lui che chiediamo di rispondere politicamente dei suoi errori, andando a casa. Le cittadine e i cittadini lombardi meritano un'amministrazione capace di proteggerli, ciò che questo gruppo dirigente non è riuscito a fare finora".

1
0
1
s2smodern

L’unico vero schiaffo alla Lombardia porta la firma dell’incapacità di Fontana

IMMAGINA - editoriale di Silvia Roggiani, Segretaria Metropolitana del Partito Democratico di Milano

C’è una cosa che più di tutte oggi non possiamo ignorare. Il tempo trascorso dall’esplosione dell’epidemia in Italia ci ha resi, comprensibilmente, più fragili e anche più delusi e arrabbiati. Oggi l’Italia non è quella di marzo e gli italiani non sono più disposti a credere che andrà tutto bene o ad affacciarsi sui balconi per cantare.

Nel cuore e nella mente delle persone, oggi, c’è sofferenza per un caro che non c’è più, c’è la paura di ammalarsi, c’è il terrore di perdere il proprio lavoro o di non riuscire un domani a rialzare la saracinesca. Per tutti questi motivi, era necessario intervenire come ha fatto il Governo. Mai e per nessun motivo bisogna permettere che si mettano in conflitto il diritto alla salute con quello al lavoro: è necessario tenerli insieme, farli correre sullo stesso binario.

Il Governo, di fronte ad una curva dei contagi in rapida ascesa e ospedali vicini al collasso, ha dovuto assumere decisioni difficili, con nuove forti restrizioni, dividendo l’Italia in tre fasce a seconda della gravità della situazione epidemiologica locale: una rossa, una arancione e una gialla, dalla più grave alla meno grave.

Ci aspettano giorni, e molto probabilmente settimane, non facili. Le nuove restrizioni comportano grossi sacrifici e difficoltà per tanti lavoratori e lavoratrici, per studentesse e studenti che sono tornati alla sola didattica a distanza e per persone sole che rischiano di pagare un prezzo molto alto.

Leggi tutto: L’unico vero schiaffo alla Lombardia porta la firma dell’incapacità di Fontana

1
0
1
s2smodern

Zona rossa: “Altro che schiaffo, adesso Fontana metta in pratica l’autonomia tanto reclamata”

MILANO - "Mentre ci svegliamo con le dichiarazioni di Fontana che parla di schiaffo del Governo alla Lombardia leggiamo, in un'intervista pubblicata oggi, il direttore dell'ATS Milano - lo stesso che un mese fa ammetteva il fallimento nel tracciamento - dire che quelle appena varate sono misure giuste e "semmai" in ritardo. 

È troppo chiedere al presidente Fontana un pizzico di responsabilità? Invece di fare polemica e usare il dramma della Lombardia come arma di propaganda politica, dovrebbe dire come intende farci uscire dalla zona rossa, come diminuire i contagi (ad oggi un quarto di quelli nazionali) e i morti (quasi un terzo) nella nostra Regione. O dire, per esempio, come intende aiutare le attività e i settori in sofferenza, o come aumentare i bus su strada. Che dice Fontana della tanto sbandierata autonomia, dov'e finita adesso? Prima la reclamano, ma poi quando la devono applicare si tirano indietro. Il Governatore, adesso, si prenda responsabilità anche economiche e sanitarie per far fronte all'emergenza. 

Nessuno di noi, men che meno tutte le categorie di lavoratrici e lavoratori colpiti dalla nuova stretta, è contento che la Lombardia sia catalogata fra le zone rosse e quindi ad alto rischio. Ma questo è il momento della responsabilità e della collaborazione istituzionale, ed è vergognoso che si continui a usare ogni occasione per speculare o addossare colpe a qualcun altro. A otto mesi dal primo caso Covid registrato in Lombardia siamo ancora qui, sguarniti della medicina territoriale tanto indispensabile e per giunta con una grave carenza di vaccini antinfluenzali.

Ogni cittadino di questa regione vorrebbe sapere perché siamo ancora a questo punto. Ma adesso, per favore, si lavori per uscirne e per mettere al sicuro, dal punto di vista sanitario ed economico, le cittadine e i cittadini lombardi.

Così in una nota la segretaria metropolitana del PD Milano Silvia Roggiani.

1
0
1
s2smodern

Campagna vaccinale Lombardia: "Dove sono i vaccini?"

MILANO - "Gallera va ripetendo in tv che va tutto bene, ma noi vorremmo fargli notare che i cittadini ci dicono che mancano i vaccini! La Lombardia non è assolutamente pronta per una campagna vaccinale. Le dosi consegnate ai medici di base sono ridicole, 50 contro le 300 di media dell'anno scorso, e ai cittadini cui tocca prenotare il vaccino nei centri dell'ATS non va tanto meglio. Riuscire a prendere la linea o effettuare una prenotazione tramite il sito dedicato è più difficile di un terno al lotto. Ogni giorno ricevo segnalazioni da parte di cittadini esasperati e disperati, alla ricerca di un vaccino per i loro genitori anziani. Gallera, vuoi dirci dove trovare i vaccini e come prenotarsi?

Come riportano organi di stampa con il caso della consigliera di maggioranza Beccalossi, ormai sei stato smascherato perfino dai tuoi. Caro Gallera, invece di andare in tv a dire bugie, pensa a come garantire ai cittadini il vaccino antinfluenzale. La soluzione non può essere ricorrere alle strutture private e pagare. Il diritto alla salute non deve essere un lusso".

1
0
1
s2smodern
facebook_page_plugin
Contatti

Silvia Roggiani

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio


Via Roberto Lepetit, 4
20124 Milano

Social