Segretaria metropolitana
Partito Democratico di Milano

Memoria per fare luce

"Stiamo scendendo nell'abisso senza sapere dove arriveremo, fino a quando cammineremo nel buio". Inizia così l'incipit dell'editoriale di Ezio Mauro questa mattina (sabato) su La Repubblica. Si riferisce a quanto accaduto a Mondovì.

Una stella di David e la scritta "Juden hier", qui abita un ebreo, hanno sporcato la porta di casa di Lidia Beccaria Rolfi, staffetta partigiana, deportata a Ravensbruck. I vigliacchi, hanno agito a pochi giorni dal Giorno della Memoria, per imbrattare e cancellare. Vorrebbero riscrivere la storia. Ma noi non glielo permetteremo, ci troveranno sempre dall'altra parte, a combatterli. Ostinati e determinati. 

Perché da una parte c'è il nero, quello di chi agisce nell'anonimato e di notte. Il nero delle scritte sui muri, delle tenebre e del male. Il nero degli inferi, dove è scesa l'umanità con l'Olocausto e con lo sterminio di milioni di persone innocenti. 

Dall'altra parte, invece, c'è la luce che rischiara il bene, che illumina i nomi delle vittime e le storie dei Giusti. La luce che si accende per fare memoria, che ci dà forza per guardare indietro e costruire un futuro che non assomigli al passato. 

Tra il nero e la luce, però, c'è uno spazio. Lo spazio di chi resta nel mezzo, prigioniero dell'indifferenza. Un sentimento che nel passato è stato complice della violenza e degli orrori del nazi-fascismo. 

Anche l'indifferenza dobbiamo combattere, e ricordo e memoria sono gli unici antidoti alle nuove minacce. 

Noi vogliamo fare la nostra parte, e proprio in occasione del 75esimo anniversario della Liberazione dal nazi-fascismo con il progetto Bella ciao, Milano! invitiamo chi lo vorrà a partecipare ad un percorso per fare memoria attiva con attività più diverse, unite dai valori e la bandiera dell'antifascismo. 

Pensavamo che l'odio per il diverso non potesse più tornare e, invece, episodi come quello accaduto nella piccola cittadina piemontese ci ricordano che dobbiamo essere sempre lì, dalla parte giusta. 

Sentinelle del bene a guardia di una società che non precipiti nel buio. Ancora una volta. 

1
0
1
s2smodern
facebook_page_plugin
Contatti

Silvia Roggiani

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2018 SILVIA ROGGIANI

Ufficio


Via Roberto Lepetit, 4
20124 Milano

Social